Movimento Psicoespressivo

Un blog per capire se stessi e vivere felici

Rabbia, un’emozione erroneamente valutata

La rabbia è uno dei cinque sentimenti trattati in MTC.

La rabbia è l’emozione collegata alla primavera, al legno verde, al colore verde, al fegato e alla bile.

Primavera, potrebbe sembrare strano, la primavera coi fiorellini e gli uccellini canterini, cosa c’entrano con la rabbia?

Siamo abituati a pensare alla rabbia quando sfocia nell’offesa, nell’aggressività, o peggio nella violenza sull’altro.

In verità la rabbia è un’emozione importantissima, che ci da la forza.

Forza per andare avanti. Forza per nascere. Stagionalmente forza della terra di rinascere ogni volta sempre nuova.

Ecco perché è temporalmente legata alla primavera.

Ci sentiamo arrabbiati quando qualcuno non ci rispetta, quando accade qualcosa che non combacia con i nostri desideri, con ciò che il nostro sé vorrebbe.

Viviamo una carica interiore che sale da dentro come un calore. E’ forte, è istantanea, così è la rabbia.

In tali casi, è sano vivere anche la scarica, cioè non implodere. Si dice di chi trattiene sempre la rabbia che si fa “il sangue amaro”, il proverbio saggiamente fa riferimento proprio alla bile, alla rabbia che resta dentro.

Un conto è scaricare la rabbia nell’istante della sua ebollizione interiore, un conto è diventare offensivi, aggressivi o violenti con qualcun’altro.

In MTC i comportamenti propri di fegato e vescica biliare sono l’urlo e il movimento.

Benissimo allora sfogarsi con un grido, gettare un oggetto a terra, sbattere una porta. Gli oggetti non fanno male, se si rompono ne acquistiamo di nuovi. Se ci scagliamo contro una persona però si ferisce e non è più come prima.

Bene lo scarico istantaneo della carica energetica dell’emozione, bene poi incanalare l’energia in circolo in modo costruttivo.

Certo passare tutta la vita a sbattere porte e rompere oggetti non porta da nessuna parte se non a dover periodicamente riacquistare mobili e soprammobili.

Ottimo, capire l’origine della nostra rabbia e, dopo aver scaricato il primo momento di eccesso di energia, incanalare consapevolmente le proprie energie verso il cambiamento desiderato. A volte, basta meno di quanto si creda.

Voler operare un cambiamento significa essere già cambiati dentro. L’evoluzione è già in corso.

Annunci

Informazioni su Tiziana Capocaccia

Ogni azione, ogni singolo gesto racconta chi siamo, è parte del nostro movimento psico-espressivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.482 follower

privacy policy

Ascolta i miei podcast:

sensi e controsensi su startradio.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: