Movimento Psicoespressivo

Un blog per capire se stessi e vivere felici

“ Se scrivo male non è colpa mia! Mamma è papà, lo sapevate che esiste la disgrafia?!”

 – Introduzione alla DISGRAFIA
Cos’è:
La disgrafia: un disturbo specifico dell’apprendimento.A È definito specifico in quanto riguarda un’abilità in particolare, inoltre non prevede la presenza di ritardo mentale e, sebbene possano essere presenti più disturbi dell’apprendimento contemporaneamente (spesso problemi nella scrittura sono legati a problemi anche nell’abilità di lettura) è possibile, tuttavia, che si manifestino isolatamente.

– Come si manifesta:
Difficoltà nel comporre testi, nel dettato, nella copia, sul piano della grammatica, ortografia e calligrafia. La difficoltà riguarda la riproduzione sia Student 1di segni alfabetici che numerici. Può associarsi a deficit nella lettura. Non dev’essere causato da handicap sensoriali o ritardo mentale, in tali casi saranno il deficit specifico (ad es. visivo) o il ritardo cognitivo a generare i problemi d’apprendimento.

Come accennato sono prese in considerazione diverse abilità:
Il grafismo (il tratto grafico)
L’ortografia (le regole che spiegano come scrivere) e si parlerà nello specifico di disortografia
La velocità di scrittura
L’espressione scritta (relativa la contenuto).

Il risultato è un grafia poco leggibile, faticosa. Il bambino può impiegare molto più tempo degli altri ed ottenere una produzione grafica che crea frustrazione. La mano scorre a fatica sul foglio, spesso l’impugnatura della penna è scorretta. Inoltre non si orienta bene nello spazio, lascia spazi irregolari tra lettere, parole e righe. Problematica pure la pressione, troppa o troppo poca. C’è difficoltà nel riprodurre figure oltre che parole,Hand Pencil appare scarsa la coordinazione oculo-motoria. Le lettere scritte sono o troppo piccole o troppo grandi e le dimensioni possono alternarsi spesso. Il gesto scrittorio che non è fluido rende difficoltosi i collegamenti tra le lettere. Ne risente il ritmo grafico, il bambino può essere troppo lento, o scrivere a scatti, comunque senza armonia.

Come si diagnostica:
Somministrando appositi test che valutano l’abilità specifica confrontandola con la popolazione di pari età, cioè con le prestazioni di un ampio gruppo di bambini della stessa età. Vengono proposte prove che valutano ad es. la velocità o gli errori ortografici sempre in base all’età. Altre abilità che vengono valutate sono: la percezione dello spazio, l’orientamento destra-sinistra, la rappresentazione dello schema corporeo, la coordinazione motoria, la dominanza laterale, la memoria e l’attenzione. Tutte capacità di base per l’apprendimento della scrittura.

La causa:
Scrivere è un processo complesso che implica l’insieme di più abilità. Quando ci si trova di fronte a problemi di scrittura più cause concorrono: difficoltà della motricità fine, nella capacità di rivisualizzare le lettere, nel ricordare i pattern motori per riprodurre la forma delle lettere.
A monte di queste difficoltà ci sono modalità atipiche di elaborare le informazioni, vale a dire che il funzionamento di certi processi cognitivi è diverso da quello delle persone che non hanno tale difficoltà.

La terapia:
Dear Santa, PerhapsSi lavora per incrementare le abilità deficitarie: abilità percettive, motorie, linguistiche, attentive e mnemoniche. Si lavora sulla coordinazione, sulla lateralità, sul rilassamento. Non va mai dimenticato, inoltre, l’aspetto emotivo. Un bambino con una difficoltà di apprendimento, specie se non riconosciuta, sperimenta l’insuccesso e la frustrazione e nondimeno l’ansia da prestazione legata al suo problema specifico.
Troppo spesso di fronte a problemi nella scrittura si pensa che sia un problema di volontà, che il bambino semplicemente deve impegnarsi di più, oppure che se si tratta di un disturbo organico e che allora non si può far nulla. Queste convinzioni non aiutano i ragazzi con disgrafia. È davvero molto importante riconoscere la specifica difficoltà e dare modo al bambino di avere l’aiuto di cui ha bisogno.

Bibliografia:
DSM-IV. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali
Cesare Cornoldi: “Le difficoltà di apprendimento a scuola”. Il Mulino
Monica Pratelli: “Disgrafia”. Erickson
Vio – Tressoldi: “Il trattamento dei disturbi dell’apprendimento scolastico”. Erickson.

Annunci

Informazioni su Tiziana Capocaccia

Ogni azione, ogni singolo gesto racconta chi siamo, è parte del nostro movimento psico-espressivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 19 aprile 2014 da in Fare per essere, Puericultura con tag , , , , .

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.476 follower

privacy policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: