Movimento Psicoespressivo

Un blog per capire se stessi e vivere felici

Applicazioni della medicina tradizionale cinese alla psicologia: la rabbia

L’emozione della rabbia è una tra le più importanti e controverse.

Spesso si è portati a pensare si tratti di un’emozione negativa.

rabbia urlo

La rabbia espressa attraverso un urlo

Il primo mito da sfatare è l’esistenza di emozioni negative. Le emozioni non sono positive o negative. Le emozioni sono. E’ importante prendere atto di ciò che proviamo, manifestarlo in modo adeguato, saper utilizzare l’energia che le emozioni ci regalano.

Sì. Le emozioni sono energia. Intesa non come qualcosa di metafisico e impalpabile, ma nel suo pieno significato fisico. Provare una determinata emozione crea un cambiamento chimico nel corpo, scorre attraverso il sangue e determina certe condizioni e sensazioni.

germoglio1

Legno verde

Secondo la Teoria dei Cinque Elementi della Medicina Tradizionale Cinese il periodo dell’anno che stiamo ancora vivendo, la primavera, è legato all’elemento del legno verde e all’emozione della rabbia.

La rabbia è una delle emozioni base, di cui l’essere umano è dotato sin dalla nascita.

Ci arrabbiamo quando ci fanno una prepotenza, un offesa, un sopruso.  O, ancora, se qualcosa non va come vorremmo, soprattutto questo  e si può notare nei bambini. Quando non ci è consentito di esprimerci come vorremmo. La rabbia arriva tutte quelle volte che qualcosa per noi non va.titti arrabbiato

E’ l’emozione che ci permette di capire quando non veniamo rispettati.

E’ un’emozione veloce che sale dentro. Un vulcano che scoppia. Spesso per questo spaventa, ma se sappiamo manifestarla nella maniera giusta, non è affatto nociva, né per se stessi, né per chi ci sta accanto.

Nella Medicina Tradizionale Cinese ogni emozione è collegata ad un organo del corpo, ed ha una sua specifica voce, cioè una modalità con la quale si esprime. La rabbia è collegata al fegato, all’urlo e al movimento. Per rendersi conto di questo è molto utile guardare un bimbo molto piccolo. Nei piccini ancora non sono presenti sovrastrutture culturali che inibisconol’espressione emotiva. Un

Un bambino arrabbiato grida

Un bambino arrabbiato grida

bimbo piccolo arrabbiato urla e si muove molto. In genere i genitori si infastidiscono molto, ma lui cosa fa di male? Sta solo esprimendo la sua rabbia nella maniera più adeguata. Questo, ovviamente, non significa che siamo tutti invitati a buttarci a terra, gridare e scalciare quando siamo arrabbiati, sebbene in taluni casi potrebbe essere davvero molto liberatorio, ma lanciare un urlo liberatorio, battere un pugno su un tavolo, davvero son gesti che non fanno male a nessuno, però ci consentono di “scaricare” l’energia della rabbia, di lasciar eruttare il vulcano.

L’aspetto in ogni caso più importante è la consapevolezza. Questo

Psicologia e Medicina Tradizionale Cinese

Psicologia e Medicina Tradizionale Cinese

perchè a volte possiamo davvero essere impossibilitati ad esprimere la rabbia, purtroppo per convenzioni sociali o situazioni specifiche. Tuttavia, essere coscienti di ciò che stiamo provando e agire per incanalare la potente energia che la rabbia ci regala è sempre benefico e importante.

La rabbia, emozione legata alla primavera, è una spinta propulsiva. E’ la grinta che ci fa andare avanti nella vita, che ci spinge a fare, a crescere, a creare durante l’esistenza. Come possiamo considerare tutto questo negativo? Negativo è reprimere, non essere

Verde come la Rabbia

Verde come la Rabbia

consapevoli di ciò che proviamo. Poichè a lungo andare, siccome le emozioni sono collegate al corpo, useranno il corpo come canale d’espressione se noi le abbiamo taciute, con tutto quello che per la nostra salute ne consegue.

Esprimere le emozioni e prima ancora esserne consapevoli è un passo necessario per il proprio benessere.

Annunci

Informazioni su Tiziana Capocaccia

Ogni azione, ogni singolo gesto racconta chi siamo, è parte del nostro movimento psico-espressivo.

6 commenti su “Applicazioni della medicina tradizionale cinese alla psicologia: la rabbia

  1. mariuccetta
    21 giugno 2014

    Dunque è per questo che rabbia in questo periodo ne ho da vendere! Come dici tu non mi sento rispettata, da qualche mese è successo un cambiamento in famiglia e da quel giorno sono diventata invisibile e con me i miei figli. Questo mi fa arrabbiare e molto ma non sono in grado di parlarne primo con mio marito poi con le persone interessate… Perché? Per paura di ferire i suoi sentimenti, passando per quella che non sono, una stronza insidiosa. Passano i giorni, i mesi e la situazione peggiora sempre più, io sono un vulcano pronto ad esplodere con la paura di far solo danni e la sempre più amara consapevolezza di non piacermi affatto in questo periodo, sempre arrabbiata col mondo intero… Basterà l’estate a calmarmi un pó o dovrò aspettare il freddo inverno?

    Mi piace

    • movimentopsicoespressivo
      21 giugno 2014

      È importante esprimere la rabbia senza però scagliarsi contro gli altri
      Ben venga un grido, sbattere una porta ma poi soprattutto se ci sono chiare le cause, allora il passo evolutivo è incanalare le energie per attivare un cambiamento!

      Mi piace

  2. Pingback: La rabbia è negativa? | MPE

  3. Pingback: Applicazioni della medicina tradizionale cinese alla psicologia | Movimento Psicoespressivo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.476 follower

privacy policy

Ascolta i miei podcast:

sensi e controsensi su startradio.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: