Movimento Psicoespressivo

Un blog per capire se stessi e vivere felici

Arriva un bambino: l’accoglienza psicologica

Quando arriva un bambino si pensa ad accoglierlo.

Innocence Grace 2

Si pensa al suo corredino, al suo lettino o culla per iniziare, magari alla carrozzina o alla fascia, insomma si pensa a incrementare oggetti e metterli nello spazio della casa. Acquistandoli o ricevendoli in regalo, nuovi o di seconda “manina”, in ogni caso siamo portati a prendere cose. Questo è giusto, servono al piccolo in arrivo.

Questa riflessione però è un invito a fare una capriola mentale e fare il pensiero al contrario.

Wife And Baby

Togliere, levare anzichè mettere, per poter accogliere.

Pensiamo se dovessimo accogliere in casa un amico per un po’. Toglieremmo qualcosa di nostro, magari sarebbe l’occasione per decidere di gettare via roba che non ci serve più, per lasciare spazio alla persona che accogliamo.

Accogliere è fare spazio.

Fare spazio all’altra persona.

Va da sé, penserete, che se acquisto oggetti per il piccolo, o me li regalano o me li passano, farò spazio per metterli fisicamente in qualche angolo della casa.

Si, ma nel farlo e basta, manca un pezzo. Manca la consapevolezza.

La consapevolezza che sto facendo spazio nella mia vita, che in quella vita che, fino ad ora era solamente la mia, adesso devo fare spazio a qualc’un altro e, per un bel po’, da certi punti di vista per sempre, quella vita non sarà più soltanto la mia. Ci sarà uno spazio sempre dedicato al figlio. Il mio tempo non è più solo il mio quando sono un genitore, soprattutto se sono un neo genitore, perchè i bimbi piccoli ci assorbono completamente.

Così, accogliere è fare spazio.

La mia vita, così piena di tante cose, che ho anche faticato nel tempo a creare, adesso deve svuotarsi un po’, per fare spazio.

Anche quando accogliamo un partner facciamo spazio. Tuttavia, quando arriva un figlio è tutto più forte ed intenso.

Siamo tesi a riempirci di cose per lui.

Tuttavia, la prima cosa, è capire di cosa siamo disposti a privarci, per lasciare spazio libero. Uno spazio che, la nuova creatura cui abbiamo dato vita, occuperà.

Flower Pot Girl

(progetto Panciadimamma)

Annunci

Informazioni su Tiziana Capocaccia

Ogni azione, ogni singolo gesto racconta chi siamo, è parte del nostro movimento psico-espressivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29 agosto 2014 da in Puericultura con tag , , , , , , , .

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.476 follower

privacy policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: