Movimento Psicoespressivo

Un blog per capire se stessi e vivere felici

Fiore di Bach n° 11: Elm

Elm è un albero, un albero grande e grosso, alto, può superare i 30 metri di altezza e i cinque metri di diametro. Si crea grande contrasto tra tronco e fiori, i fiori hanno una forma complessa.

Elm, olmo - immagine dal web

Elm, olmo – immagine dal web

Il polline viene trasportato dal vento anche molto in alto, poichè anche a notevole altezza si raggruppano i fiori alle cui estremità si raggruppano i semi ciascuno in una caspula sottile a forma di disco, tuttavia, nessun seme germoglierà. L’olmo di riproduce per “pollone” ossia le sue radici raggiungono distanze anche notevoli e così, mandando le sue radici in profondità e lontananza a mo’ di talpe cieche che prederà vita una nuova pianta.

La persona Elm riporta lo stesso Bach:
“A volte possono attraversare periodi di depressione quando sentono che il compito intrapreso è troppo difficile e trascende le forze di un essere umano”.

Considerano quello che devono fare superiore alle loro forze e capacità.

Sono persone fortemente motivate allo scopo della loro anima, sanno quello che fanno nel mondo, tuttavia sentono senso di inadeguatezza.

Possono fare cose buone a beneficio dell’umanità.

La persona e la pianta (la similitudine del “gesto” della pianta col momento psicoespressivo della persona):

La pianta è un albero grosso e dritto, la persona ha autodeterminazione e volontà.

Si riproduce per pollone, che nella persona equivale ad un soffrire come se si fosse ciechi, incapaci di vedere il futuro.

Nella pianta i semi non danno vita a nulla, la persona vede il futuro come una meta irraggiungibile.

L’albero è grande e grosso, la persona è forte ed efficiente.

Non ha i semi che germoglieranno per loro conto, così per similitudine nella persona possiamo avere un individuo che vuol fare tutto da solo.

I fiori sono raggruppati.
La persona deve cercare la sua forza nello spirito, nella sua più intima parte.

STATO NEGATIVO: 

sa di essere capace, ma improvvisamente non ne è più sicuro. Sente  troppa responsabilità, percepisce il compito affidatogli oltre le sue forze, che non ha abbastanza forza per riuscire in tutto quello che deve e desidera. E’ sfiduciato.

STATO POSITIVO:

sicurezza in sé, conscienza delle responsabilità e convinzione di poter sostenere quanto intrapreso o che al momento giusto arriva sempre l’aiuto. Ottimismo nel futuro.

Annunci

Informazioni su Tiziana Capocaccia

Ogni azione, ogni singolo gesto racconta chi siamo, è parte del nostro movimento psico-espressivo.

Un commento su “Fiore di Bach n° 11: Elm

  1. nickmurdaca
    23 ottobre 2014

    Il tuo articolo è stupendo. L’immagine di un grande albero per veicolare un messaggio mirato – e terapeutico – è perfetto. Mi ha ricordato le notti trascorse a riflettere su un meraviglioso ed enigmatico capitolo del Tao Te Ching che recita così:

    Alla nascita un uomo è tenero e flessibile,
    alla morte è duro e rigido.
    Tutti gli esseri, l’erba e gli alberi
    da vivi sono teneri e flessibili,
    da morti sono duri e rigidi.

    Dunque il rigido e l’inflessibile
    sono amici della morte.
    Il tenero e il flessibile
    sono amici della vita.

    Un esercito rigido viene distrutto.
    Un albero rigido viene spezzato.

    Il rigido deve piegarsi
    o sarà piegato dagli altri.
    Ciò che è flessibile
    riesce a crescere.

    (Spero di non essere stato troppo invadente nel postarlo).

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23 ottobre 2014 da in Stili di vita con tag , .

RSS Tiziana Capocaccia

  • Giornata mondiale del bambino
    Oggi è la giornata mondiale del bambino, o meglio dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, anniversario della Convenzione delle Nazioni Unite... L'articolo Giornata mondiale del bambino proviene da Tiziana Capocaccia.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.528 follower

privacy policy

Ascolta i miei podcast:

sensi e controsensi su startradio.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: