Movimento Psicoespressivo

Un blog per capire se stessi e vivere felici

Sapone fatto in casa

I saponi sono evocativi di momenti rilassanti dedicati alla cura di se, di profumi, di pulito.

Realizzare del sapone fatto in casa è stata fonte di grande soddisfazione. Per chi volesse provare ecco come abbiamo fatto.

Abbiamo utilizzato una modalità di saponificazione a freddo.

Il sapone si forma dalla reazione di una parte grassa e una parte alcalina.

Ingredienti:
1 kg di olio di oliva (la nostra sostanza grassa)129 gr di soda (la parte alcalina)
300 gr di acqua fredda
1 cucchiaino di amido di mais (facoltativo, aiuta ad addensare)
un olio essenziale profumato a scelta (facoltativo, per dare un aroma al sapone se si desidera farlo, noi abbiamo utilizzato olio essenziale di neroli)
Sostanze alimentari per colorare il sapone (facoltative) – nel nostro caso abbiamo utilizzato 2 cucchiai di concentrato di pomodoro

Sono inoltre necessari:
Due recipienti (uno in cui versare l’olio uno in cui sciogliere la soda nell’acqua)
Una bilancia
Un frullatore ad immersione
Un cucchiaio di legno, uno di acciaio inossidabile Uno stampo rettangolare allungato simile a quallo per i plumcake che potete realizzare anche con del cartone, oppure in legno, ma non in metallo.
Carta da forno per rivestire lo stampo del sapone e non farlo attaccare.
Guanti, grembiule e occhiali per proteggersi occhi, mani e abiti nel momento in cui si scioglie la soda in acqua.

Come procedere:

Pesare gli ingredienti con precisione

pesare un kg di olio

pesare un kg di olio

Versare la soda nell’acqua fredda (importante versare la soda nell’acqua e non viceversa).

sapone a3
All’inizio la sostanza sarà bianchiccia e si scalderà,

sapone a4
girate finchè non diventa trasparente

sapone a5
Aggiungete il composto all’olio di oliva

sapone a6
mescolate col cucchiaio di legno

sapone a7

se lo desiderate aggiungete un po’ di olio essenziale per profumare il sapone

Procedete ora con il frullatore ad immersione

sapone a8
se avete dell’amido di mais potete aggiungerne un cucchiaino dopo aver iniziato a  mescolare il composto

sapone a9
Continuate col frullatore ad immersione, finchè non ottenete una consistenza leggermene densa, detta fase di nastro.

Se volete colorare tutto il sapone o una parte di esso potete farlo utilizzando delle sostanze alimentari.

Nel nostro caso abbiamo deciso di colorare una parte del sapone con del concentrato di pomodoro che mescolandosi con il composto di olio di oliva leggermente giallognolo ha dato un colore arancio, poichè avevamo aggiunto dell’olio essenziale di neroli (fiore di arancio) per profumare il sapone.

Per colorare tutto il sapone basta aggiungere la sostanza per colorare a tutto il sapone, per colorare una parte potete togliere una parte del composto, colorarla e poi riaggiungerla mescolando in modo che le parti di due colori si intreccino. La quantità della sostanza che colora varia in base all’intensità di colore che decidiamo di dare. Nel nostro caso abbiamo aggiunto due cucchiai di concentrato di pomodoro.

sapone a11Una volta che abbiamo colorato, se volevamo colorarlo, il nostro sapone, e versato nello stampo, dobbiamo lasciarlo riposare al buio e coperto in un luogo asciutto.

Dopo 24 h sarà il momento di togliere il sapone dallo stampo e tagliarlo in panetti.

sapone a16

Se non avrete aggiunto coloranti otterrete un sapone di colore neutro come questo

sapone 4

Una volta tagliate le nostre saponette devono riposare al riparo dalla luce e dalla polvere per una quarantina di giorni.

Il tempo di stagionatura è necessario affinchè venga persa del tutto la causticità, poichè tutte le molecole alcaline avranno reagito con i grassi e il sapone sarà pronto.

Come mai trovi la ricetta per fare il sapone in un “blog esistenziale che parla di consapevolezza e di espressione di sé?

Perché quello che scegliamo di realizzare, come lo facciamo, il nostro tipo di attività, i nostri hobby preferiti son tutti aspetti che raccontano chi siamo. Leggi di più sul movimento psicoespressivo

Annunci

Informazioni su Tiziana Capocaccia

Ogni azione, ogni singolo gesto racconta chi siamo, è parte del nostro movimento psico-espressivo.

Un commento su “Sapone fatto in casa

  1. Pingback: Sapone al caffè fatto in casa | MPE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24 ottobre 2014 da in Puericultura, Stili di vita con tag , , , .

RSS Tiziana Capocaccia

  • Lettura fiabe: oltre il significato letterale
    Oggi ti racconto il significato simbolico di una delle fiabe più famose: “La bella addormentata nel bosco” e come il... L'articolo Lettura fiabe: oltre il significato letterale proviene da Tiziana Capocaccia.

I miei libri

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.540 follower

privacy policy

Cinque favole per regalare la magia del Natale

Ascolta i miei podcast:

sensi e controsensi su startradio.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: