Movimento Psicoespressivo

Un blog per capire se stessi e vivere felici

Mamme e maestre: collaborazione

Post a cura di 
Ilaria Evangelisti, educatrice e mamma.
Oggi parlero’ di tutto cio,’ che una volta portato a termine un buon inserimento è meglio fare, ovvero creare un rapporto di collaborazione con le educatrici.
Il bambino, il vostro bambino, si trova in un ambiente nuovo, con gente sconosciuta e deve ascoltare e rispettare delle regole che vengono date dall’educatrice (sconosciuta anch’essa) e spesso proprio per questo, si rifiuta di ascoltarla, o segue le regole tacitamente, ma con frustrazione se non è già abituato ad osservarle ed è qui che entriamo in gioco noi mamme.
Ora mi spiego meglio, l’asilo è il primo esempio di approccio con la societa’ è il loro piccolo mondo, paese, comunità, e come in ogni gruppo che si rispetti ci sono delle piccole regole da imparare e rispettare  per vivere insieme , seppur per poche ore, e noi mamme in questo siamo fondamentali.
il mangiare seduti è una di queste, aspettare il proprio turno per giocare, fare l’attivita’, usare il water, lavarsi i denti e altro ancora.
Tante piccole cose che a casa sono abituati a fare quando meglio credono, lì devono imparare a farle  in un certo tempo e ordine.
Immaginate se facessero tutto insieme, sarebbe un caos e non apprenderebbero le cose che invece apprendono.
La cosa che noi possiamo fare è aiutare i nostri figli con la continuità, creando un filo diretto con l’asilo, insegnamo loro ad aspettare, insegnamo loro a mettere a posto i giochi dopo aver giocato, a lavarsi i denti dopo mangiato, come fare?
Con il gioco, la fantasia apre tutte le porte è la cosa piu’ vera che abbia mai sentito, possiamo inventarci piccoli giochi di gare, come: vediamo chi fa prima io o te pronti? via…
Con l’aspettativa di fare qualcos’altro insieme, magari un dolce o qualche attivita’ saranno piu’ invogliati e si divertiranno imparando.
I denti lavateli insieme a loro
 magari davanti a uno specchio, avranno piu’ coscienza del loro “essere in grado” e del fatto che sono bravi come voi, non dimenticate mai che voi per loro siete fantastici, loro vi osservano fare di tutto con successo e il vedere che riescono a farlo come voi li farà sentire grandi e vostri complici.
Il mangiare seduti è il concetto piu’ difficile da comprendere, difficile perchè una volta tolto il seggiolone saranno attratti da mille cose che vorranno  toccare o guardare da vicino, allora  parlate con loro create dei cibi divertenti da guardare e spegnete la televisione mentre siete a tavola, devono essere interessati a quello che fanno e capire che è un momento importante in cui stare tutti insieme.
 Coinvolgeteli nei preparativi del pasto e anche nella spesa stessa in modo tale che non vi corra per tutto il supermercato mentre voi cariche come tartarughe ninja cercate di recuperare lui e raggiungere la cassa.
Cucinate con loro, fate loro assaggiare quello che fanno, fateli sporcare rendeteli vostri complici rafforzera’ la loro autostima e le loro conoscienza.
Ci sono bambini che si rifiutano di toccare farina, pasta molle, pittura per non sporcarsi le mani e i vestiti, aiutiamoli a capire che sporcarsi è normale rendiamoli liberi!
I vestiti e le mani si lavano, ma l’esperienza acquisita con la manipolazione l’assaggio l’espressione di sé resta.
Buon lavoro !!!
Annunci

Informazioni su Tiziana Capocaccia

Ogni azione, ogni singolo gesto racconta chi siamo, è parte del nostro movimento psico-espressivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 27 ottobre 2014 da in Puericultura con tag , , , .

RSS Tiziana Capocaccia

  • Lettura fiabe: oltre il significato letterale
    Oggi ti racconto il significato simbolico di una delle fiabe più famose: “La bella addormentata nel bosco” e come il... L'articolo Lettura fiabe: oltre il significato letterale proviene da Tiziana Capocaccia.

I miei libri

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.540 follower

privacy policy

Cinque favole per regalare la magia del Natale

Ascolta i miei podcast:

sensi e controsensi su startradio.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: