Movimento Psicoespressivo

Un blog per capire se stessi e vivere felici

Avete mai incontrato la parola psicopoiesi?

Tempo fa ho letto in rete una strana parola: psicopoiesi.

Mi sono incuriosita ed ho intervistato qui Salvatore Incarbone che se ne occupa in prima persona.

Oggi
torno a parlarvi insieme a Salvatore della psicopoiesi, propnendone una descrizione sintetica e rimandando ai precendenti post o al sito di S. Incarbone per approfondire.

1. Cos’è la Psicopoiesi.
Salvatore:
La psicopoiesi è una psicologia della creatività e della relazione. La creazione più importante è quella con cui il Sé crea se stesso e con sé entra in relazione. La metodologia è Psiconica per la verifica delle ipotesi con macchine (p. e. computer e simulatori comportamentali). Vantaggi: accelerazione dei tempi d’osservazione e d’intervento. Il Sé riconosce i propri limiti che tende a superare dapprima con un’Affermazione di sé, poi con un estraniarsi da sé per migliorare (Mancamento) e infine con un nuovo Sé stabile migliorato (Conferma). Per migliorare usa un modello che vede in qualsiasi atto, evento o cosa. Nel modello si specchia e modella se stesso, p. e. nel processo artistico, più tipicamente libero e creativo. La produzione artistica è essenziale, non il prodotto finale.

2 Dove trae la sua origine la psicopoiesi?
Salvatore:
Le origini sono molteplici. Importanti l’amore per l’arte e le invenzioni. Prima motivazione fu costruire una macchina dotata di capacità comportamentali simili a quelle umane per compiere attività pericolose o ripugnanti e per comprendere la psiche. Altra origine è la filosofia dei modi di concepire e l’unificazione dei sensi interni con quelli esterni. La pratica della Didattica Rapida ha anche dato contributi. Decisive le osservazioni su malati mentali gravi in atelier d’arte figurativa, musica e fabulazione.

3 Come interviene sul disagio?
Salvatore:
La psicoterapia prevista è artistica e interattiva. Non pesante ma lieve, in sincronia con i tre Momenti fondamentali del Sé (Affermazione, Mancamento, Conferma). La modellazione del Sé avviene durante il processo creativo costruendo e manipolando un modello artistico, libero dal bisogno. Manipolando ciò che fa, il disagiato manipola se stesso.
Lo psicoterapeuta aiuta a scegliere il tema, ha compiti didattici mostrando – se è richiesto – come si fa, ma non sostituendosi al soggetto (a meno di direttive ascoltate passo per passo).

4 Ci sono categorie di persone che traggono maggiore giovamento dall’arte?
Salvatore:
Le persone sono sensibili all’arte se vi vedono un modello si se stessi o di un proprio problema ma valgono condizioni somatiche (salute), emotive (storia personale) e cognitive (intuito, memoria). L’arte passiva, da fruitore, può essere bella ma è l’are attiva che è appassionante perché fa da modello e specchio. Essenziale è la produzione creativa; il prodotto ormai ultimato è molto meno giovevole.

Annunci

Informazioni su Tiziana Capocaccia

Ogni azione, ogni singolo gesto racconta chi siamo, è parte del nostro movimento psico-espressivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10 dicembre 2014 da in Fare per essere, Stili di vita con tag , , , .

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.482 follower

privacy policy

Ascolta i miei podcast:

sensi e controsensi su startradio.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: