Movimento Psicoespressivo

Un blog per capire se stessi e vivere felici

“Narrarsi online”

Tutto ciò che ci rende più consapevoli di noi stessi ci regala benessere. Scrivere, narrando la propria storia online, è un modo.

Ho scoperto piano, piano negli anni la mia passione per la scrittura e avendo deciso di utilizzare la rete come “foglio” infinito sono anche interessata ad esperienze e consigli sulla scrittura online. Non potevo farmi sfuggire un testo che s’intitolasse: “Narrarsi online” (di Francesca Sanzo).

Mi era già capitato di leggere altri testi inerenti la scrittura e nello specifico la scrittura per il web. Questo però l’ho apprezzato di più.

Non è solo un “manuale” di consigli. L’autrice ci mette una fetta di vita nel suo e-book. Le storie di vita sono quanto di più appassionante possa capitarmi di leggere, forse è una deformazione professionale, ma le esperienze esistenziali, quelle di cambiamento in particolare mi interessano da matti!

Sono coinvolgenti, toccano la pancia se dalla pancia sono state scritte e un testo che ci emoziona è bello.

La mia scoperta dell’autrice risale al 2006, quando il suo blog “panzallaria” esisteva da un anno e io compivo i miei primi passi incerti nella rete con splinder. A distanza di quasi dieci anni, leggere la sua esperienza personale e i consigli di scrittura professionali mi è piaciuto.

Il blog viene definito come un personale laboratorio di scrittura ed è proprio quello che penso anche io.

Scrivere di sé può essere difficile, doloroso, liberatorio, molto appagante. In ogni caso ci mette in gioco e ci da la possibilità di approfondire la conoscenza di noi stessi, di elaborare e superare una situazione, il web permette anche di avere dei commenti e consigli da chi magari si è trovato nella nostra stessa situazione.

Raccontare se stessi è una faccenda diffusa. Il web 2.0 ha regalato a ciascuno la possibilità di narrare la propria storia. Certo chi sa raccontare la sua storia in maniera interessante avrà un seguito maggiore di lettori, tuttavia sono convinta che anche chi non ha particolari abilità da scrittore possa trovare un giovamento nel prendersi uno spazio online per narrarsi. Raccontandosi con verità, senza farne un lamento sterile, oltre a fare un regalo a chi si trova in una situazione simile, faremmo prima di tutto un regalo a noi stessi, perchè scrivere permette di mettere le cose “fuori dalla mente”, di fermarle e poterle rileggere con calma. Da modo di capirsi meglio, aiuta nelle elaborazioni di situazioni complesse. Regala il piacere, a distanza di tempo, di assumere maggiore consapevolezza del superamento di un momento difficile.

Scrivere di sé è un gesto terapeutico.

Annunci

Informazioni su Tiziana Capocaccia

Ogni azione, ogni singolo gesto racconta chi siamo, è parte del nostro movimento psico-espressivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 8 gennaio 2015 da in Stili di vita con tag , , , .

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.482 follower

privacy policy

Ascolta i miei podcast:

sensi e controsensi su startradio.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: