Movimento Psicoespressivo

Un blog per capire se stessi e vivere felici

Adesso tocca a te! Gioco di scrittura

Lo scorso anno ho scritto la favola congiunta con l’intenzione di mettere a disposizione di chi ne avesse bisogno di un modo di utilizzare lo “strumento” favola insieme a qualcun’altro anziché da soli.

Scrivere fiabe per conoscersi meglio è un’attività bellissima da fare dedicandosi un tempo che è solo proprio, tuttavia anche condividerla come attività ricreativa, creativa o financhè terapeutica ha i suoi vantaggi.

Oggi ho pensato di proporre la favola congiunta a turno come gioco di scrittura.

Quando scrivere risulta un po’ difficile, lavorare sulla motivazione è la prima cosa da fare.

Quindi per motivare a scrivere bisognerà proporre un’attività divertente!

Sicuramente scrivere insieme divertirà di più che scrivere da soli.

Lo scrivere a turno aiuta da più punti di vista:

  • permette di riposarsi un po’ mentre tocca all’altro
  • crea un certo livello di suspense che alimenta la motivazione al gioco
  • arricchisce il contenuto finale e quindi rende più bella e ricca l’attività
  • da la possibilità rileggendo di vedere altri modelli di scrittura

Il gioco l’ho proposto così:

C’è un foglio e tutti hanno una penna. Se la penna è unica si può passare insieme al foglio.

La prima persona ha il compito di avviare la storia interrompendosi dopo qualche riga, a quel punto passerà il foglio ad un altro partecipante che ha sua volta scriverà qualche riga proseguendo a modo suo la storia.

Se, come auspicabile per alzare il livello del divertimento, i partecipanti saranno più di due, quando il secondo partecipande passa il foglio al terzo avrà cura di coprire la parte scritta dalla persona prima di lui, in modo che chi riceve il foglio al suo turno non legge tutta la storia ma solo le ultime righe di chi lo ha preceduto.
Questo permette di:

  • rendere la storia più strampalata e divertente
  • non lasciarsi condizionare troppo da ciò che hanno scritto gli altri ma andare avanti con la propria storia (che viene da dentro)
  • alimentare la motivazione con un certo livello di suspense per la curiosità di leggere il prodotto finale.

A seconda della quantità di partecipanti si può decidere di fare un “solo giro”, un turno ciascuno, per storia, oppure lasciare che la storia faccia più di un giro tra i partecipanti.

Per darvi il LA, ecco un inizio:

“Erano ormai molti giorni che la Bella Addormentata non riusciva a dormire, nonostante prendesse una bella tisana “dormibene” tutte le sere, era molto stressata perchè….”

Adesso tocca a te!

Annunci

Informazioni su Tiziana Capocaccia

Ogni azione, ogni singolo gesto racconta chi siamo, è parte del nostro movimento psico-espressivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.487 follower

privacy policy

Ascolta i miei podcast:

sensi e controsensi su startradio.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: