Movimento Psicoespressivo

Un blog per capire se stessi e vivere felici

Perchè esprimere emozioni

post a cura di Susanna Panichelli
psicologa dell'età evolutiva
Alcuni bambini pensano che raccontare le proprie emozioni possa in qualche modo ferire le persone che li ascoltano.
Credono che tali emozioni siano più grandi della capacità dell’adulto di contenerle.Così decidono, già fin da piccoli(la maggior parte delle volte a livello inconscio) di affrontare da soli i propri stati emotivi evitando di rivolgersi all’ambiente che li circonda.
Reprimere le emozioni è molto faticoso e la necessità di scaricare le tensioni aumenta sempre più emergendo sotto differenti vesti: incubi, enuresi, ansia, fobie, difficoltà di concentrazione , azioni fuori controllo ecc..
Le emozioni non si possono nascondere!
Inoltre un vero dramma per i bambini che si autocontengono è non avere l’esperienza diretta di cosa significhi essere compresi!
Chi ha a che fare con questi bambini può uscirne sfiancato non essendo capace di gestire il carico di emozioni dal quale stanno scappando i loro figli o alunni.
Viceversa, spesso le emozioni del genitore sono così tante, così impregnate tra le mura domestiche che il bambino possa arrivare all’errata conclusione che non vi sia spazio per poter esprimere le proprie! E ancora bambini che reprimono le proprie emozioni perché i genitori fanno lo stesso con le proprie.
In tutti questi casi, nel bambino si viene a creare un vero e proprio groviglio di emozioni non risolte, di conseguenza si accumulano portando il bambino ad essere sempre più ansioso, preoccupato…
Occorrerà affiancare il bambino per districare là matassa, dedicandogli tempo e pazienza. Un tempo qualitativamente rilevante in cui ascoltarlo davvero e comprenderlo. Il bambino sentendosi accettato in maniera incondizionata sarà in grado di convivere con le proprie emozioni difficili, guardarle in faccia ed accettarle.
Cercare di trovare anche pochi minuti al giorno per chiedere ai vostri figli/alunni: come ti senti oggi?perché non parli?sei triste?arrabbiato? È senza dubbio un primo importante passo per creare un ponte di comunicazione tra voi e loro.
Allo stesso tempo non avere paura di esprimere i propri stati emotivi…
Gli adulti sono in primo luogo PERSONE con pregi e difetti e non genitori/insegnanti infallibili!
Annunci

Informazioni su Tiziana Capocaccia

Ogni azione, ogni singolo gesto racconta chi siamo, è parte del nostro movimento psico-espressivo.

Un commento su “Perchè esprimere emozioni

  1. Pingback: I nonni sono storie… | movimento psicoespressivo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 27 aprile 2015 da in Fare per essere con tag , , , .

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.487 follower

privacy policy

Ascolta i miei podcast:

sensi e controsensi su startradio.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: