Movimento Psicoespressivo

Un blog per capire se stessi e vivere felici

Come arrediamo racconta chi siamo!

La nostra casa è in qualche modo un’estensione del nostro sé, quello che scegliamo di mettere nella nostra abitazione, il tipo di mobili, gli oggetti d’arredo, i colori che scegliamo, tutto in qualche modo ci rapprensenta.

Dunque, come arrediamo la casa è una manifestazione del nostro sé e rappresenta il nostro movimento psicoespressivo.

Purtroppo spesso gli oggetti vengono scelti, quando un io è debole, per il loro valore in termini sociali e di potere.

Secondo Fromm viviamo in una società in cui ciò che si possiede assume il valore di «simbolo di rango sociale, una dilatazione di potere, insomma, un sostegno dell’io» (Fromm, 1977).

In un articolo che ho letto si parla della «simbolic self-completion» vale a dire la completezza del sé simbolica. Secondo questa teoria, le persone che cercano di definire a pieno se stessi, nel momento in cui ancora non riescono a farlo, ricercano negli oggetti una rappresentazione di se stessi in cui rispecchiarsi, attraverso cui darsi valore, quel valore che ancora non riescono a percepire autonomamente dentro di sé.

Permettersi invece di essere se stessi fino in fondo ci libera da scelte dettate da bisogni di sicurezza e riconoscimento da parte degli altri, attraverso il valore degli oggetti posseduti, ad esempio nell’arredo della casa.

Un’idea originale e utile che ho trovato grazie al suggerimento di un’amica, è lo PSICO DESIGN un metodo elaborato da Ernestina Rossotto, insegnante, psicoterapeuta e formatrice.

La Rossotto afferma che “Psico Design” è: “una corrente di pensiero che fonde arte, psicologia e design con risultati sorprendenti sugli spazi e sulle persone”.

Nel manifesto di pensiero dello Psico-design viene evidenziata l’importanza di considerare gli aspetti psicologici e relazionali nell’arredamento. Conoscere se stessi è fondamentale se si vuole arredare una casa che ci faccia stare bene,  per poter colorare gli spazi e riempirli di un arredamento che ci consenta di incrementare il nostro benessere perchè in armonia col nostro modo di essere.

Nel sito della Rossotto è possibile leggere informazioni sul significato psicologico dei materiali che è possibile utilizzare nell’arredo come pure dei colori.

Quello che mi sta più a cuore affermare dopo questa riflessione sul valore che talvolta possono assumere gli oggetti se non siamo in armonia con noi stessi e sull’importanza che invece ha un arredo in armonia col nostro sé, è che capire se stessi fino in fondo è la fondamentale variabile per il benessere. Vivere la propria verità. Aumentare giorno, dopo giorno, la propria autoconsapevolezza.

Capire e vivere in armonia col proprio movimento psicoespressivo è tutto quello che possiamo fare per stare davvero bene.

Certo può non essere affatto semplice. Tuttavia abbiamo molti indicatori ad aiutarci. Anche gli oggetti di cui ci circondiamo nella nostra abitazione, le loro caratteristiche, tutte le componenti dell’arredamento della nostra casa raccontano chi siamo e possiamo fermarci un momento a riflettere su di loro per avere un pezzettino in più di consapevolezza su di noi.

Annunci

Informazioni su Tiziana Capocaccia

Ogni azione, ogni singolo gesto racconta chi siamo, è parte del nostro movimento psico-espressivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23 marzo 2016 da in Stili di vita.

RSS Tiziana Capocaccia

  • Lettura fiabe: oltre il significato letterale
    Oggi ti racconto il significato simbolico di una delle fiabe più famose: “La bella addormentata nel bosco” e come il... L'articolo Lettura fiabe: oltre il significato letterale proviene da Tiziana Capocaccia.

I miei libri

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.540 follower

privacy policy

Cinque favole per regalare la magia del Natale

Ascolta i miei podcast:

sensi e controsensi su startradio.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: