Movimento Psicoespressivo

Un blog per capire se stessi e vivere felici

1 libro, un lato oscuro e 10 lune

Lo scorso sabato alla web radio nella trasmissione Sensi e controsensi abbiamo o incontto l’autrice di un testo dal titolo che mi ha incuriosito: Dodici posti dove non volevo andare.

libro clara cerri lato oscuro

Subito la mia mente corre.

Dove è che non vorrei andare?

Perché ci sono luoghi in cui non voler andare?

Cosa ci spinge a desiderare di essere in un posto anziché in un altro?

Tutto ha a che fare con come siamo, con chi siamo.

Con ciò che siamo e anche tanto con ciò che non vogliamo essere.

Anche quello che non ci piace ha tanto a che fare con noi.

Chi non ci piace, i luoghi in cui vorremmo andare mai e poi mai, tutto quello che ci crea resistenza ci racconta tantissimo di noi.

“Non vediamo le cose come sono, vediamo le cose come siamo”
(Anais Nin)

Tutto quello che non vorremmo mai essere ci racconta in realtà una parte di noi molto profonda, aspetti che non riusciamo a tenere nella sfera consapevole, frammenti dell’essere che non ci piaccino al punto da volerli spazzare via.

Possiamo farlo davvero?

In realtà, quegli aspetti, che ricacciamo in fondo, che non vogliamo stare a sentire, diventano una sorta di lato oscuro, invisibile ma presente.

Si tratta di fragilità, caratteristiche negative, o quantomeno così le consideriamo, che potrebbero aiutarci a comprenderci meglio, a capire di più chi siamo davvero da ogni punto di vista, luminoso e oscuro.

Quando una certa caratteristica di una persona propria non mi va giù, mi procura un disagio che supera il dato oggettivo, anziché rifuggirlo e magari avere anche qualche pensiero poco carino nei suoi confronti, dovrei quasi, quasi dirle grazie. Mi sta rispecchiando qualche angolo poco visibile che però mi appartiene.

Un po’ è lo stesso che accade con l’invidia. Quando qualcuno ottiene un risultato che mi da sui nervi, me lo prendo a braccetto mentalmente, mi sintonizzo, perché quel qualcosa che mi dà fastidio è un desiderio importante di cui non ero consapevoli. Così, invece di gettare le energie ad avercela su con chi quel risultato lo ha ottenuto, posso, presa consapevolezza, lavorare sul mio obiettivo.

Trasformare la difficoltà in opportunità.

Per poter essere a pieno autori nelle proprie vite, non subire ma agire, bisogna prendere il più possibile consapevolezza di sé.

Il 7, 8 e 9 di aprile al Millepiano coworking di Roma nel quartiere Garbatella, sarà possibile partecipare alle iniziative del festival diecilune. Saranno proposti degli incontri in cui autori, artisti della scrittura, delle arti visive, del cinema, della musica, proporrano delle performace proprio sul tema del LATO OSCURO.

L’arte, si sa, aiuta a sentire, capirsi, evolvere.

10lune programma

Annunci

Informazioni su Tiziana Capocaccia

Ogni azione, ogni singolo gesto racconta chi siamo, è parte del nostro movimento psico-espressivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 5 aprile 2017 da in Stili di vita con tag , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: