Movimento Psicoespressivo

Un blog per capire se stessi e vivere felici

Come ristabilire la comunicazione nella relazione di coppia

Parlare è importante.

Ci si scambiano informazioni, emozioni, opinioni e molto altro.

Ci aiuta a conoscere gli altri, a conoscere meglio noi stessi.

Parlare a volte diventa difficile. Quando la comunicazione entra in difficoltà, entra in difficoltà anche la relazione tra le persone.

Questo vale in molti ambiti, ma all’interno della coppia assume una connotazione emotiva intensa.

È impossibile non comunicare” cit.
La comunicazione è in tutti gli scambi. Ogni nostro comportamento assume un significato ed è comunicazione.

Anche il silenzio.

Cosa si può fare quando la comunicazione diventa disfunzionale?
Quando si parla poco o per nulla e il rapporto di coppia ne risente?

Indagarne i motivi è utile, ma per farlo in ogni caso è necessario in qualche modo riagganciare il partner con un canale comunicativo.

Ecco un’idea.

Mi è venuto in mente ieri, leggendo di social network e gruppi whatsapp, che quando ero alle scuole medie con due amiche tenevamo una sorta di diario in comune.

Avevamo un quaderno, cui col tempo ne attaccammo un secondo e poi un terzo.

Questo quaderno lo tenevamo a turno per uno o due giorni ciascuna.

Ognuna di noi scriveva la sua pagina di diario, le sue riflessioni, poi ce lo passavamo.

Così potevamo leggerci, conoscerci meglio, confidarci, supportarci.

Blog e social ante litteram.

Di qui il suggerimento per la coppia in crisi comunicativa:

Basta un quaderno.

Decidete a testa o croce chi dovrà iniziare.

Lo terrete un giorno ciascuno.

Lo lascerete in un posto concordato: un cassetto, un tavolo, un comodino…

Ciascuno scriverà la sua pagina di diario:

Cosa gli è accaduto quel giorno, cosa ha pensato, cosa ha provato, un’opinione su un fatto accaduto.

Una semplice pagina di diario.

Fidatevi e affidatevi alle pagine.

Ciascuno potrà, di volta in volta, leggere l’altro e rileggere se stesso.

Sarà un viaggio di scoperta, anzi di riscoperta.

Leggere la giornata del partner, attraverso le emozioni che ha provato, le cose che ha pensato e fatto, sarà un modo per entrare in contatto ravvicinato.

Non cerchiamo di dire qualcosa all’altro.

Parliamo di noi, di nostri pensieri ed emozioni.

La magia della parola scritta sta nel
– poter riposare sul foglio

– permettere di essere cancellata prima di essere lasciata leggere

– dare la possibilità di esprimere più di quello che riusciremmo a dire su di noi a parole

– godere la considerazione del sapere che le nostre parole saranno lette dall’altro.

Per iscritto è anche più facile dire a qualcuno che ci manca, o che lo amiamo. Ancora.

Il “diario condiviso” può davvero aiutare.

Se hai occasione di provarlo e hai bisogno di qualche suggerimento: favolazione@gmail.com

Hai appena letto il post dell’area creatività del secondo martedì del mese, vuoi sapere perché?

Annunci

Informazioni su Tiziana Capocaccia

Ogni azione, ogni singolo gesto racconta chi siamo, è parte del nostro movimento psico-espressivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15 agosto 2017 da in creatività con tag .

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.487 follower

privacy policy

Ascolta i miei podcast:

sensi e controsensi su startradio.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: